Tecnologia

Il futuro? E’ Cloud, Wearable e Contactless! Ecco le tecnologie che scompariranno dalla nostra vita nei prossimi 5 anni

Nuove tecnologie

Hanno accompagnato gran parte della nostra vita.
Alcuni di loro sono stati, per molto tempo, dei partner insostituibili all’interno delle nostre attività lavorative, di studio o di svago.
Ognuno di loro, chi più chi meno ha rappresentato, nei momenti appena successivi al suo “debutto” nella nostra società, una vera e propria novità tecnologica, attirando curiosità, critiche e consensi che ne hanno decretato la popolarità, a tal punto da renderli necessari, a volte insostituibili.

Ma si sa, la tecnologia, l’evoluzione tecnologica e il mito del progresso non guardano in faccia a nessuno, e secondo le ricerche di alcuni istituti diverse tecnologie che hanno profondamente segnato questa nostra metà di secolo scompariranno entro il 2021.

Quali?
Vediamolo insieme!

Telecomando sostituito dal weareable

1. Il Telecomando.

Calma e sangue freddo. Non allarmatevi: nessuno vuole privarvi di quello che nella vita domestica è universalmente soprannominato lo “scettro del comando”, né tantomeno vuole costringervi ad alzarvi dal vostro amato divano ogni volta che vorrete cambiare canale o peggio ancora privarvi dell’intrattenimento televisivo: il telecomando scomparirà, è vero, ma c’è già un giovane candidato pronto a prendere il suo posto: stiamo parlando naturalmente dello smartphone e di nuovi dispositivi wearable, ovvero indossabili, che ci daranno la possibilità (e in molti casi già ce la danno) di interagire con numerosi dispositivi, fra cui le smart tv. Si calcola inoltre che entro il 2020 ci saranno circa 17 miliardi di dispositivi mobili nel mondo: riuscite ad immaginare la quantità di nuovi servizi di tv on demand che potrebbero nascere da qui a pochi anni? Potete dunque tirare un sospiro di sollievo: la vostra voglia di serie tv, sport in HD e cinema è salva, così come il vostro divano!

chiavetteusb sotitutite dal cloud

2. La chiavetta USB.

E’ stata la più fedele alleata di tutti coloro che lavorano abitualmente con un PC.
Vi ha accompagnato fedelmente durante la vostra tesi di laurea, durante le vostre lezioni e presentazioni multimediali; con voi ha girato il mondo, a volte perdendosi in qualche tasca, ma conservando sempre gelosamente i vostri dati più cari. Non c’era presentazione di Power Point in grado di spaventarla, o tabella Excel in grado di metterla in difficoltà: proprio come una formichina operosa, caricava sulle sue spalle qualsiasi contenuto.

Ora, anche il cammino della pendrive sembra essere giunto al termine, soppiantato ogni giorno di più dai tanti servizi di cloud storage, che offrono spazio, praticità e totale accessibilità ai nostri dati in qualsiasi situazione.

contanti sostituiti dal contacless

3. Il contante.

Un’altra celebrità che sta per avviarsi verso il viale del tramonto, ça va sans dire, è il denaro contante: secondo i dati della Federal Reserve, dal 2000 al 2012 l’uso dei contanti è diminuito del 57%; sono sempre di più, e lo vediamo ogni giorno, le persone che scelgono le carte di credito e i sistemi contactless per i loro pagamenti, o i nuovi servizi di pagamento online, come AndroidPay e ApplePay.

password sostituite dalle nuove tecnologie

4. Le password.

Le avete scritte su dei post-it che poi avete regolarmente perso.
Poi vi siete sforzati di memorizzarle, e finchè possedevate solo due o tre account ce l’avevate anche fatta. Ma con l’arrivo, ormai anni orsono del web 2.0 e delle sue versioni successive e del moltiplicarsi dei servizi offerti dal web, siete andati letteralmente nel pallone. Siete diventati più ordinati e diligenti, e avete appuntato le vostre password di accesso su un file che tenete ben nascosto da occhi indiscreti. Si calcola che un utente medio abbia circa 19 account personali sparsi per il web: molti scelgono per tutti la stessa password, rischiando però, in caso di attacco, di veder sgretolarsi di fronte a sé la propria galassia virtuale fatta di ricordi, informazioni riservate e dati personali.

Molto presto la password sarà solo un ricordo: è la stessa Google che lo afferma. Il colosso di Mountain View sta infatti sperimentando un sistema per il quale un utente riceverà una richiesta di conferma dei suoi dati sul suo smartphone, che sarà sufficiente attivare con un tap sullo schermo. Una vera e propria rivoluzione, non solo per la gestione degli account ma anche per la lotta al phishing.

Stampante sostituta da centri stampa come Imprinting Digitale Franchising

5. Le stampanti domestiche.

In tempi di cloud, di documenti digitali e di e-book reader, era naturale che anche la cara vecchia stampante venisse destinata al pensionamento: basta fogli di carta svolazzanti, che si inceppano, basta con le cartucce o i toner da cambiare e tutto il resto. Se proprio non riusciamo a resistere alla tentazione di stampare le nostre foto di famiglia, esistono dei centri di stampa digitale che faranno questo lavoro molto meglio di noi, con strumenti migliori e sprecando molta meno carta. E gli alberi ringraziano!

Lascia un commento